PARLIAMONE
PARLIAMONE
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
 Tutti i Forum
 Parliamone
 forum
 Primarie di Ancona

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
   

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
steffy Inserito il - 27/03/2009 : 20:06:11
ANCONA - domenica 5 aprile 2009
PRIMARIE DEL PARTITO DEMOCRATICO PER LA SCELTA DEL CANDIDATO SINDACO DI ANCONA

Iniziamo dal 5 aprile un colloquio che dovrà diventare continuo, sincero, per me impegnativo se Ancona vorrà scegliermi come sindaco.
Una pagina nuova che sarà vincente se la scriveremo insieme.
lo ci metto un grande entusiasmo e l'esperienza di questi anni in Comune e in Regione.
A tutti chiedo proposte, suggerimenti e l'ottimismo di chi sogna di dare concretezza alle proprie idee. Non voglio solo fare il sindaco, voglio farlo bene!
Noi donne siamo così: tenaci e perfezioniste.
Una donna sindaco di Ancona......sarà un'altra storia.

Stefania BENATTI

Possono votare tutti i residenti (anche i cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno) dai 16 anni in su.

Per informazioni:
331 2328129 oppure info@.stefaniabenatti.it
2   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
raniero Inserito il - 27/03/2009 : 21:29:14
Proposta interessante e non nuova. Ma cara Stefania, credo che agli anconetani interessi innanzitutto avere una città più vivibile, senza le strade piene di buche, con meno traffico e il verde più curato, con le scuole comunali che non debbano più essere sgombrate perché pericolanti (Savio).
E anche se rivitalizzare il centro è importante, esistono anche le periferie e le frazioni; non solo corso Garibaldi e Mazzini!
Mi permetto di ricordare una battuta di Rutelli al comizio conclusivo a Piazza del Popolo di un anno fa. Un "borgataro" disse: "A Rutè, spero che verrai a ritrovacce anche la settimana prossima, così ridanne 'na pulita a le strade..."
E tutti sappiamo come andò a finire! Donna avvisata..
steffy Inserito il - 27/03/2009 : 21:26:11
Da Mercato delle Erbe a Mercato delle idee

Fermarsi al Mercato delle Erbe non solo per fare spesa e magari trovare prodotti tipici di qualità a buoni prezzi, ma anche per assistere ad una conferenza sulla gastronomia, acquistare un libro o una tisana e la sera ascoltare buona musica dal vivo, seduti ad un caffè. E’ questa l’idea che Stefania Benatti ha lanciato, in una diversa pausa pranzo, al Mercato delle Erbe del capoluogo.
“Uno spazio cittadino che va rivalutato- ha detto – sia per le potenzialità che saprebbe esprimere con la sua storica e armoniosa struttura architettonica in ferro, sia perché è un luogo dove la tradizione marittima e mercantile del capoluogo potrebbe sposarsi ad una rinnovata vitalità culturale. Penso ad uno spazio, quindi, che stia a metà tra la Boqueria di Barcellona e il Covent Garden di Londra. Penso in grande? Forse. Ma per saper sostenere il ruolo di capoluogo di regione occorre farlo, occorrono idee nuove, non sogni certo, ma operazioni di spessore, realizzabili, che sappiano coniugare vecchio e nuovo. Lanciare quindi un messaggio “metropolitano” di interpretare la città, che sia davvero vissuta e restituendole l’orgoglio di fare da guida dell’innovazione per le altre città marchigiane. “
Il Mercato delle Erbe rappresenta già un punto di incontro irrinunciabile nel centro della città, dove comunque esistono anche spazi più grandi, come quello di Piazza d’Armi, destinato già alla tradizionale vendita di ortofrutta, “ma ora il Mercato delle Erbe è più solo un luogo di passaggio. La mia proposta è quella di far fermare il cittadino ad ammirare questo posto, di viverlo appieno, perché no, divertendosi.”
“E senza sacrificare spazi di vendita dei prodotti ortofrutticoli- ha proseguito Stefania Benatti- c’è la possibilità, con un ragionevole investimento e con la collaborazione di altri soggetti, come le associazioni agricole o cooperative di fare altro: per esempio i Farmer Markets che sono sempre più numerosi e soddisfano l’esigenza di trovare prezzi più bassi grazie alla filiera corta, un’area culturale dove con il contributo della Facoltà di Agraria si potrebbe creare un’aula gastronomica per conferenze a tema sul cibo, sulle scienze nutrizionali e dell’alimentazione, ma anche sulla tutela del consumatore, piuttosto che sulla tradizione culinaria anconetana. Destinare spazi anche allo shopping tematico e all’artigianato di qualità, a piccole esposizioni e sale da degustazione o al vecchio modo di intendere il Caffè, il luogo dove ritrovarsi con gli amici a parlare e a scambiarsi opinioni o ascoltare musica nel pomeriggio o la sera. Sarebbe la perfetta realizzazione del concetto di “centro commerciale naturale”, polivalente e flessibile, al completo servizio del cittadino. Inoltre questa struttura potrebbe fare da apripista ad una diversa politica degli orari commerciali della città, conciliando i tempi di vita, adeguandoci alle più grandi città europee, dove le donne non sono attanagliate dalla fretta di fare spesa. Una diversa qualità di vita dunque, e credo che la sensibilità dei commercianti anconetani sia alta se si può concorrere tutti insieme a rivivificare il centro storico.
Io ho lanciato una proposta- ha concluso - e naturalmente sono pronta ad accogliere tutte quelle interessanti ed originali che vorranno venire dai cittadini, da tutti quei cittadini che interpretano Ancona anche nella sua origine culturale di “polis”, una comunità e un sistema organizzato di relazioni fra persone, dove esercitare il vero diritto di cittadinanza.

PARLIAMONE © 2000-2002 Snitz Communications Go To Top Of Page
Snitz Forums 2000