PARLIAMONE
PARLIAMONE
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
 Tutti i Forum
 Parliamone
 forum
 Farsa e tragedia

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
   

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
raniero Inserito il - 07/02/2009 : 14:01:51
Dei commenti sullo scontro istituzionale Berlusconi-Napolitano sul caso Englaro, vi segnalo questo sul Messaggero di Mario Ajello che trovo davvero illuminante, dal titolo: "Un Paese incapace di essere all'altezza della tragedia"

Nulla ci è stato risparmiato. E chissà quanto ancora ci toccherà vedere nella vicenda di Eluana, che ci ricorda ancora una volta che siamo un Paese incapace di essere all’altezza della tragedia. E allora, siamo alla riproposizione dei soliti vizi, delle consuete nevrosi nazionali. L’eterna replica della lotta fra guelfi e ghibellini. La spettacolarizzazione - do you remember Cogne? - d’ogni dramma. Invasioni di campo fra politica e magistratura. Clericalismi e ideologismi che s’intrecciano e si combattono. Siparietti. Scontri istituzionali. Teatrino. Stai con Giorgio o stai con Silvio? E «la maggioranza è solida....» e «l’opposizione si divide...». E i sondaggi, che cosa dicono i sondaggi? E se tu intervisti il papà, io intervisto l’amica di scuola: «Scusi, lei che frequentava la primina con Eluana, che cosa ricorda delle riflessioni della povera Englaro sulla morte?». Così l’Italia eterna s’allarga nei suoi classici difetti, come una macchia d’olio (sacro). E soltanto il silenzio sarebbe all’altezza della vita e della morte. Ma è chiederci troppo.

Io aggiungerei: DELLE TRAGEDIE! Il Fmi (Fondo Monetario Internazionale) prevede per l'Italia "prospettive tetre" per il 20010 e noi ci stiamo ad accapigliare come novelli guelfi e ghibellini sulle sorti della povera Eluana...

P.S. Pardon, i politici si accapigliano su certe cose. Gli italiani (vedi questo sondaggio)
http://www.repubblica.it/speciale/2009/sondaggi_ipr/caso_englaro.html

hanno invece le idee chiarissime!
1   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
raniero Inserito il - 19/03/2009 : 15:09:39
Sempre da Il Messaggero, sulle dichiarazioni del Papa circa la non utilità dei preservativi contro l'Aids segnalo questo irriverente commento


Preservativi, Vaticano e il silenzio dell'Italia

di Mauro Evangelisti

E' più forte di noi. Abbiamo sempre un sussulto, una timidezza inconscia, una ritrosia, una cautela tutta italiana quando si tratta di esprimere qualche velata perplessità ufficiale (e non nelle chiacchiere da bar dello sport) sulle dichiarazioni del Papa. Anche magari se ci diciamo laici, anche se le nostre televisioni diffondono messaggi gaudenti e non certo di promozione della castità, anche se nella nostra vita quotidiana le nostre precauzioni le prendiamo e non diremmo mai a un nostro figlio o a un nostro amico: Uè, mi raccomando, non usare il preservativo. Cosa è successo? Benedetto XVI, in viaggio verso un continente flagellato dall'Aids, l'Africa, ha spiegato che il preservativo non serve a battere l'Hiv. Il Papa, si sa, fa il Papa, ed è giusto rispettare le sue parole. Ma questo non significa per forza tacere. Dopo poche ore, infatti, sono arrivate le parole di preoccupazione - ovviamente rispettosa, ovviamente ferma - del governo francese (conservatore) e del governo tedesco (conservatore). Ha preso posizione anche l'Unione europea. L'Italia? Silenzio, ovviamente rispettoso, ovviamente fermo.

PARLIAMONE © 2000-2002 Snitz Communications Go To Top Of Page
Snitz Forums 2000