PARLIAMONE
PARLIAMONE
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
 Tutti i Forum
 Parliamone
 forum
 L'INFORMAZIONE
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 2

katia.ross
Nuovo Utente


Regione: Marche
Prov.: Ancona
Città: Ancona


11 Messaggi

Inserito il - 25/04/2008 : 10:45:19  Mostra Profilo Invia a katia.ross un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

In questo periodo ho partecipato ed assistito a varie analisi sull'esito del voto. Ho ascoltato molto. Non ho sentito nessuno, ribadisco nessuno, dare un peso all'INFORMAZIONE.
Tralascio quella televisiva, è noto.
Ma la stampa? Noi che ci interessiamo attivamente di politica, li leggiamo i giornali, più o meno approfonditamente, ma sicuramente un quotidiano ogni giorno lo sfogliamo! E nessuno ha mai notato quanto che ciò che di buono ha fatto il governo Prodi non è mai stato messo in risalto? Incominciando da La Repubblica?
Io stessa ho appurato nella finanziaria 2008, quante cose positive, e che avrebbeo avuto consenso, se fossero state diffuse, solo perchè per lavoro mi è servito andarmela a leggere.
Non credo che i cittadini per sapere devono andarsi a leggere il testo originale di una Finanziaria!
Voi nella stampa non notate nulla?
E, se ciò è vero, perchè?
Anche giornali come Repubblica hanno interesse a non divulgare ciò che di buono ha fatto il governo Prodi, quindi non agevolare una vittoria del PD?
Se ci fosse qualcuno che avesse le idee più chiare delle mie, sarei grata per un'illuminazione.

raniero
Utente Medio


Città: ancona


221 Messaggi

Inserito il - 28/04/2008 : 17:22:32  Mostra Profilo Invia a raniero un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Forse cara Katia, è per questo motivo che mezzo milione di persone (tra le quali il sottoscritto) hanno firmato per i tre referendum proposti da Grillo al V2 Day:
1) Abrogazione dell'Ordine dei Giornalisti;
2) Abolizione del finanziamento pubblico ai giornali;
3) Abolizione della Gasparri.

Ovviamente di questa iniziativa giornali e Tv non ne hanno parlato o parlato molto poco, perché andava contro gli interessi loro e dei loro editori.
Il problema è che in Italia non esistono editori puri: i giornali sono tutti in mano a finanzieri, banche, assicurazioni, costruttori edili, industriali ecc. La Rai è vergognosamente lottizzata e Mediaset è di Berlusconi.
Non deve meravigliare se evitano accuratamente di parlar male di chi li possiede, ma anche di chi li finanzia tramite la pubblicità.
Ecco allora che i giornali di informazione NON FANNO INFORMAZIONE!
Ma c'è anche da dire che anche per quanto riguarda i giornali e telegiornali, gli italiani hanno quello che si meritano.
Se la cronaca politica si riduce ai pastoni politici in cui si dedica 1 minuto ad illustrare ad esempio il provvedimento del Governo (ovviamente molto sommariamente), 2 minuti alle reazioni di tutti i politici (che ovviamente possono solo fare delle battute e non delle analisi compiute) condite da qualche intervista al volo alla "gente", è chiaro che alla fine difficilmente il telespettatore potrà esprimere un suo giudizio informato.
E poi, dove sono finiti i giornalisti di inchiesta? Gli inviati? Ormai gli articoli sono fatti basandosi sulle veline che vengono fatte pervenire, i flash di agenzia e qualche ricerca su Internet!
E anche se c'è chi fa ancora del giornalismo degno di questo nome (penso alle inchieste di Report o a quelle di Roberto Gatti su L'Espresso) vengono ignorate dai mass media e dalla politica.
Allora non meravigliamoci se i Tg del 25 Aprile hanno parlato dell'orango Petronilla dello zoo di Roma e non del V2 Day o di cose più serie, vedi
www.beppegrillo.it

Aggiungo infine che, per quanto riguarda le cose buone del governo Prodi, sono d'accordo con te. Ma è anche vero che in questo anno e mezzo, non ricordo una sola intervista degna di questo nome di Prodi.
E' vero che doveva pensare a governare e non a rilasciare interviste, ma ciò non toglie che le cose vadano anche spiegate ai cittadini! A questo dovrebbero servire gli addetti stampa e i portavoce. Ma io la voce del "portavoce" Sircana non l'ho mai sentita. E tu?

P.S. Segnalo questo bel reportage di D'Avanzo
http://www.margheritaonline.it/stampa/scheda.php?id_stampa=33171
che spiega secondo me bene perché Rutelli ha perso le elezioni a sindaco di Roma. Peccato che anche questo sia un reportage ex post: spiega quello che è successo, non lo anticipa. Così come accadde con l'analogo bellissimo reportage di Ezio Mauro dopo le morti alla Thyssen, anche quello "a futura memoria"
http://www.margheritaonline.it/stampa/scheda.php?id_stampa=31691


Torna all'inizio della Pagina

stefano p
Nuovo Utente


Regione: Marche
Prov.: Ancona
Città: ancona


35 Messaggi

Inserito il - 12/05/2008 : 22:21:30  Mostra Profilo Invia a stefano p un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Riprendo l'argomento di questo post soffermandomi sul "neo-caso Travaglio".
Parlo di "nuovo caso" perché già da tempo ritengo Travaglio un caso più unico che raro nello squallido panorama dell'informazione italiana: un professionista del giornalismo di inchiesta che coglie dei segnali, li studia, li verifica e poi li pubblica, fregandosene di tutto e di tutti fuorché del rispetto per il confine tra "fatto" ed "opinione" e stimolando comunque il senso critico dei suoi lettori. Il vergognoso attacco della Destra alla sua intervista da Fazio potevo ben aspettarmelo, ma l'ottusità con cui certa classe dirigente del PD si è allineata verso queste posizioni antidemocratiche mi sconcerta: evidentemente la sconfitta elettorale deve aver minato la lucidità mentale di alcuni nostri dirigenti, che credono, inseguendo la destra su terreni così scivolosi, di conquistare i fantomatici consensi di un elettorato che non può appartenerci. Oppure, più banalmente, Travaglio fa paura a tutti, anche ai nostri, perché dice quello che sa e non quello che gli conviene, e gli armadi importati da via del Gesù o dal Bottegone possono ben contenere qualche scheletro... Sta a noi, cari tutti, rimettere la barca sulla rotta tracciata prima di ottobre, con l'aiuto di qualche "vecchia volpe" illuminata che ha capito come, ormai, non si possa più tergiversare nel solito gioco del predicare bene e razzolare male: oggi, nel centro-sinistra, si deve predicare benissimo e razzolare splendidamente, pena la fine di ogni prospettiva di vittoria.

Stefano P.
Torna all'inizio della Pagina

raniero
Utente Medio


Città: ancona


221 Messaggi

Inserito il - 13/05/2008 : 13:42:27  Mostra Profilo Invia a raniero un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Segnalo questo bell'editoriale di Furio Colombo sul tema "Travaglio & Schifani"
http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=75370
Certo è davvero singolare che se uno cita in televisione quello che sta scritto in un libro in vendita da mesi, senza aver ricevuto smentite o querele, viene querelato! Insomma, il problema non è quello che si dice, ma dove lo si dice. Invece la differenza dovrebbe essere tra ciò che è vero e ciò che è falso. O no?
Torna all'inizio della Pagina

katia.ross
Nuovo Utente


Regione: Marche
Prov.: Ancona
Città: Ancona


11 Messaggi

Inserito il - 14/05/2008 : 21:53:06  Mostra Profilo Invia a katia.ross un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
stefano p ha scritto:

Riprendo l'argomento di questo post soffermandomi sul "neo-caso Travaglio".
Parlo di "nuovo caso" perché già da tempo ritengo Travaglio un caso più unico che raro nello squallido panorama dell'informazione italiana: un professionista del giornalismo di inchiesta che coglie dei segnali, li studia, li verifica e poi li pubblica, fregandosene di tutto e di tutti fuorché del rispetto per il confine tra "fatto" ed "opinione" e stimolando comunque il senso critico dei suoi lettori. Il vergognoso attacco della Destra alla sua intervista da Fazio potevo ben aspettarmelo, ma l'ottusità con cui certa classe dirigente del PD si è allineata verso queste posizioni antidemocratiche mi sconcerta: evidentemente la sconfitta elettorale deve aver minato la lucidità mentale di alcuni nostri dirigenti, che credono, inseguendo la destra su terreni così scivolosi, di conquistare i fantomatici consensi di un elettorato che non può appartenerci. Oppure, più banalmente, Travaglio fa paura a tutti, anche ai nostri, perché dice quello che sa e non quello che gli conviene, e gli armadi importati da via del Gesù o dal Bottegone possono ben contenere qualche scheletro... Sta a noi, cari tutti, rimettere la barca sulla rotta tracciata prima di ottobre, con l'aiuto di qualche "vecchia volpe" illuminata che ha capito come, ormai, non si possa più tergiversare nel solito gioco del predicare bene e razzolare male: oggi, nel centro-sinistra, si deve predicare benissimo e razzolare splendidamente, pena la fine di ogni prospettiva di vittoria.
Torna all'inizio della Pagina

katia.ross
Nuovo Utente


Regione: Marche
Prov.: Ancona
Città: Ancona


11 Messaggi

Inserito il - 14/05/2008 : 21:55:51  Mostra Profilo Invia a katia.ross un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

Si, l'idea che mi sono fatta è che Travaglio fa paura a tutti, e se c'è qualcuno a cui non la fa, se ne sta zitto zitto compatto nel gruppo. Francamente senza un vero rinnovamento non so se la percentuale di consenso ottenuta alle elezioni del 13-14 aprile possa essere mantenuta (che è già insufficiente). La vedo male ...
Torna all'inizio della Pagina

stefano p
Nuovo Utente


Regione: Marche
Prov.: Ancona
Città: ancona


35 Messaggi

Inserito il - 15/05/2008 : 22:27:12  Mostra Profilo Invia a stefano p un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Mi convinco sempre di più che il rinnovamento arriverà dal basso: se i Circoli, che sono il luogo dove davvero questo Partito si è rigenerato (nei mètodi prima che nelle persone), riusciranno a far capire ai cittadini che un nuovo orizzonte per la politica italiana è possibile solo se ognuno si assume l'onere di attivarsi, responsabilizzarsi, pretendere di far pesare il proprio voto in ogni istante, allora le ultime tracce della malapolitica dovranno per forza cambiare registro o andarsene in altri lidi... é dura, molto dura, ma dobbiamo stringere i denti ed andare avanti, sostenendoci l'un l'altro, con schiettezza e spirito solidale.

Stefano P.
Torna all'inizio della Pagina

stefano p
Nuovo Utente


Regione: Marche
Prov.: Ancona
Città: ancona


35 Messaggi

Inserito il - 21/05/2008 : 22:28:04  Mostra Profilo Invia a stefano p un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Oggi il Tg1 ha speso, ad occhio e croce, un quinto dell'edizione delle 20:00 al bel discorso "incantagrulli" del Cavaliere, un ottavo alle risposte della minoranza, un quarto alla faccenda di Cogne (Travaglio docet...), un ventesimo, cioè per pochi secondi e dopo la faccenda di Cogne, al fatto che nel Decreto le facce di bronzo hanno infilato un bell'emendamento a favore di Rete4 per la querelle sulle frequenze occupate illegalmente.
Non dico altro.

Stefano P.
Torna all'inizio della Pagina

mariangela
Utente Normale



Regione: Marche
Prov.: Ancona
Città: senigallia


74 Messaggi

Inserito il - 16/06/2008 : 08:19:12  Mostra Profilo Invia a mariangela un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Leggete questo, se ne avete voglia:
http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=76315

Mi piacerebbe che il PD delle Marche, ma anche il PDL, l'IDV, la Lega eccetera, comprassero una bella pagina dei quotidiani per denunciare l'indecenza di questo DDL... Un sogno?
Torna all'inizio della Pagina

raniero
Utente Medio


Città: ancona


221 Messaggi

Inserito il - 16/06/2008 : 20:54:13  Mostra Profilo Invia a raniero un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
I motivi per definire questo ddl "Una porcata" lo spiega esaustivamente e col solito puntiglio Travaglio in questo post.
http://www.beppegrillo.it/2008/06/passaparola_lun_2.html#more
e Ezio Mauro in questo editoriale
http://www.repubblica.it/2008/06/sezioni/cronaca/sicurezza-politica-9/mauro-volto-cavaliere/mauro-volto-cavaliere.html

Quello che serve non è un articolo a pagamento sui giornali! Quello che serve è che i giornalisti facciano il loro mestiere (informare), i giornali pubblicare le notizie che meritano di essere pubblicate (lasciando da parte i chiacchiericci e le pruderie varie), l'opposizione in Parlamento faccia l'opposizione.
Se Berlusconi ha tra le sue priorità quelle di salvare lui e i suoi sodali da processi, facendo le solite leggi vergogna, si deve fare quello che in ogni paese serio l'opposizione in parlamento, la stampa, l'opinione pubblica, fa: contrastarle con tutti i mezzi legali e democratici consentiti!
Torna all'inizio della Pagina

steffy
Amministratore




79 Messaggi

Inserito il - 08/07/2008 : 17:22:11  Mostra Profilo Invia a steffy un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Questa è davvero straordinaria!!!!

Incidente diplomatico tra Stati Uniti d'America e Berlusconi. Tutta colpa di una biografia graffiante sul presidente del Consiglio italiano finita - ora si dice «per errore» - nel kit per la stampa con tanto di cartellina ufficiale dell'Amministrazione di Washington, una descrizione tratteggiata certo poco lusinghiera, più da affarista che da statista. Una istantanea di Silvio Berlusconi che lo descrive come «un uomo d'affari con massicce proprietà e grande influenza nei media internazionali» ma che dice anche che «è stato uno dei più controversi leader nella storia di un paese conosciuto per corruzione governativa e vizio».


leggi il resto su

http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=76948

Quando si dice "La libertà di stampa"...

Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 2 Discussione  
Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
PARLIAMONE © 2000-2002 Snitz Communications Go To Top Of Page
Snitz Forums 2000